LUCIANA ZANON & NETWORK

Nella mia azienda vorrei...

In team, con entusiasmo

Con il talento si vincono le partite, ma è con il lavoro di squadra e l’intelligenza che si vincono i campionati.
Michael Jordan

Vorrei dei team guidati da uomini e donne che sappiano incoraggiare e tirare fuori il meglio da tutti. Dei team dove le persone portino le loro idee, si confrontino, collaborino con entusiasmo. Il lavoro di squadra può aggiungere enorme valore aggiunto a qualsiasi progetto. A patto che non si trasformi in un luogo di scaramucce e complicazioni e sia invece il posto dove valorizzare al massimo le particolarità di ognuno.

 

Organizziamo  percorsi di:

LEADERSHIP

TEAMWORK

ENGAGEMENT

Quanto sono soddisfatti gli italiani del proprio lavoro dipendente?

26%

Solo il 26%, meno di un italiano su tre, in calo di 3 punti rispetto allo scorso anno, si dichiara soddisfatto del proprio lavoro.

Dalla ricerca è emerso il desiderio di una nuova organizzazione del lavoro e di una nuova cultura manageriale fondata su tre pilastri: maggiore delega, lavoro di squadra e propensione al rischio.
(Fonte Barometro IPSOS 2015)

42%
si dichiara soddisfatto della possibilità di portare avanti le proprie idee
32%
dichiara che il suo diretto superiore incoraggia l’assunzione del rischio
46%
dichiara che il suo diretto superiore riconosce il diritto all’errore
42%
dichiara che il suo diretto superiore incoraggia il lavoro di squadra

Persone intraprendenti

Sono la passione e la curiosità a guidare l’innovazione.

Dan Brown

Vorrei avere intorno persone che propongano, rischino, si appassionino e si sentano responsabili.
Che sappiano imparare dai successi ma anche dagli errori.
E unite dallo stesso intento costruiscano insieme progetti innovativi per il futuro.

Le competenze che le aziende italiane maggiormente cercano nei candidati.
(Fonte Hay, ricerca 2014)

forte motivazione
71%
capacità di adattarsi
65%
versatilità
49%
spirito di sacrificio
42%

Ma una  volta  trovato  il candidato  ideale, le aziende sanno offrire gli stimoli necessari per mantenere alta la motivazione?

Clima energetico e coinvolgente

Quando non c’è energia non c’è colore, non c’è forma, non c’è vita.

Caravaggio

Vorrei che le persone fossero energiche e focalizzate a un tempo. Per stare al passo con i tempi, un’impresa non può mai smettere di correre. L’energia però da sola non basta: va focalizzata in ogni momento sul traguardo da raggiungere e sulla salute di chi sta correndo.
Occuparsi del benessere delle persone vuol dire tirare fuori il meglio da ogni giocatore del team.

I fattori anti stress

E’ stato chiesto quali fattori intervengono maggiormente per evitare lo stress. I 5 più votati seguendo una scala da 1 a 5 sono:

4,26*

essere competente nel proprio lavoro

4,20*

capacità di utilizzare risorse proprie

3,95*

chiarezza del proprio ruolo

3,92*

capacità di fronteggiare gli eventi avversi

Quanto costa lo stress?

Lo stress lavoro-correlato in Italia colpisce un lavoratore su quattro.

Costa 30 milioni di giornate lavorative perse.

Per un valore totale di almeno 3 miliardi di euro l’anno.
(Fonte Fiaso 2015)

Relazioni franche e trasparenti

Our lives begin to end the day we become silent about things that matter.

Martin Luther King

Vorrei far diventare la mia azienda un posto dove le persone siano disposte a dire quello che va e quello che non va. Pronte a coinvolgere e a motivare, ma anche a proporre e criticare. Insomma un gruppo dove ci sia la fiducia per lavorare insieme puntando al medesimo obiettivo.

6 persone su 10 hanno difficoltà comunicative con capi e colleghi e questo rende il loro lavoro stressante.

Per 4 persone su 10 il disagio comunicativo non è gestito adeguatamente nei posti di lavoro.

(Fonte Agenzia europea per la sicurezza e la salute sul lavoro Eu-Osha)

Contatti

  • Via Domenico Cirillo, 20154 Milano
  • +39 339 8870062

  • Il tuo nome (richiesto)

    La tua email (richiesto)

    Oggetto

    Il tuo messaggio